Un nuovo investimento che migliorerà il processo di gestione dei rifiuti

Nella riunione tenutasi il 7 luglio 2022 al Parlamento croato, organizzata dal Comitato croato per l’Economia, rappresentanti di Butanplin (parte di SHV Energy), dell’olandese società Dimeta (Joint Venture to SHV Energy e UGI International) rappresentanti del Ministero dell’Economia e dello Sviluppo Sostenibile, si sono riuniti con il presidente di Comitato per l’Economia ei rappresentanti parlamentari del Comitato per l’Economia

L’obiettivo dell’incontro era presentare un potenziale investimento in Croazia per migliorare il processo di gestione dei rifiuti, che è un’azione necessaria in relazione al cambiamento climatico e all’andamento della produzione e distribuzione di energia. Un progetto di gestione dei rifiuti per promuovere la produzione e l’uso di etere dimetilico da fonte rinnovabile e circolare (“rDME”), un gas liquido sostenibile a basse emissioni di carbonio, per supportare la decarbonizzazione dell’industria del GPL a livello globale. (rDME) è un combustibile sicuro e sostenibile in grado di supportare la decarbonizzazione dei trasporti, del riscaldamento domestico e industriale. Dimeta mira ad accelerare l’adozione di rDME incoraggiando e aumentando la produzione. @Luca Vailati, direttore del business development di DIMETA, ha sottolineato che la conversione termochimica dei rifiuti in rDME non richiede combustione e che è un processo ad alta efficienza energetica e non provoca inquinamento atmosferico. Claudio Canaccini, presidente della Camera di commercio italo-croata e direttore generale di @Butanplin, ha aggiunto che la produzione di rDME rispetta i più severi obiettivi dell’UE sui gas. All’incontro hanno partecipato insieme a Luca Vailati e Claudio Canaccini anche, Ilario Schettino, primo segretario e capo dell’Ufficio Economico e Commercio dell’Ambasciata d’Italia a Zagabria, Claudio Canaccini, presidente della CCIC e direttore generale di Butanplin, Andrea Perkov, direttore generale della CCIC THGK e Tea Knežević, consulente per le pubbliche relazioni della CCIC

Poduzetnička zona „A-sjever”

Il progetto di gestione dei rifiuti è stato presentato ai rappresentanti del Ministero dell’Economia e dello Sviluppo Sostenibile (Ivo Milatić, Sottosegretario di Stato, Mile Horvat, Sottosegretario di Stato e Mario Roboz, Senior Advisor-Specialist, Servizio per le autorizzazioni e il traffico transfrontaliero di rifiuti).  L’incontro è stato presieduto da Žarko Tušek, presidente della Commissione per l’Economia, alla presenza di membri del parlamento (Tomislav Klarić, membro della Commissione per l’Economia e sindaco della città di Bakar, Nadica Dreven Budinski, membro del Commissione per l’Economia, Anton Kliman, membro della Commissione per le finanze e il bilancio dello Stato). Nei prossimi mesi, l’investitore intende visitare diverse località strategiche in Croazia e, in accordo con le autorità locali, valutare la localizzazione di un potenziale investimento.

Wamgroup continua l’espansione,altri 10 millioni di € investiti a Breznički Hum

Il 9 giugno 2022 è stato inaugurato un nuovo stabilimento di produzione a Breznički Hum. In qualità di leader mondiale nel mercato dei trasporti, WAMGROUP impiega oltre 2.000 persone in 60 sedi in 40 paesi. L’azienda è stata fondata a Modena, in Italia, nel 1968 e opera con successo in Croazia dal 2001 e, nonostante la crisi pandemica, ha deciso di effettuare ulteriori investimenti ed espandere le proprie strutture.

“Qui abbiamo trovato personale eccellente e professionale, che ci ha portato a continuare a investire in questi impianti. Grazie al Governo della Repubblica di Croazia, grazie all’Ambasciata e Consolato d’Italia, al Sig. Šafran, al Direttore Bojan Hrabar e naturalmente a tutti i lavoratori” – ha affermato Vaine Marchesini, il proprietario della Wamgroup.

Nel suo discorso, il Segretario di Stato e rappresentante del Primo Ministro della Repubblica di Croazia ha congratulato con gli ospiti riuniti per i successi ottenuti finora e li ha ringraziati per aver riconosciuto il potenziale di investimenti in Croazia.

Questo evento solenne per Breznički Hum, ma anche per l’intera Contea di Varaždin e la Croazia, è stato accompagnato dal taglio del nastro e dall’inaugurazione ufficiale dello stabilimento da parte di Vaine Marchesini e del Prefetto della Contea Anđelko Stričak.

Naturalmente, un evento così significativo non sarebbe potuto accadere senza i rappresentanti dell’Italia.

“Sono particolarmente contento di rappresentare l’Italia in questi momenti, perché abbiamo qualcosa da mostrare, grande cultura, gastronomia, turismo, ma anche un’economia forte, che si tratti di piccole, medie o grandi imprese. Sono particolarmente contento che ultimamente sia avvenuta una nuova scoperta, un nuovo collegamento tra la Croazia e l’Italia, come quando due vecchi amici si incontrano. Ci sono tante nuove iniziative, progetti, e questo è uno di questi”, ha detto l’Ambasciatore d’Italia a Zagabria SE Pierfrancesco Sacco. All’evento ha partecipato anche il Capo della Missione Ilario Schettino, Direttore dell’Istituto Commercio Estero Sandra Di Carlo. Insieme ai membri del Consiglio di Amministrazione della Camera di Commercio Italo-Croata, i Vicepresidenti Alessio Cioni e Roul Cvečić Bole, Giorgio D’Ascenzo – Direttore di Wam Adria, Peter Ferluga, Direttore di De’ Longhi Croazia, Iva Lesjak, Presidente del Collegio dei Revisori, Hrvoje Grenac Responsabile Affari Legali e Andrea Perkov, Segretario Generale della Camera di commercio italo croata.

L’incontro del Presidente camerale e il Presidente della Comissione economica del Parlamento croato

Mercoledì, il 4 maggio 2022, il Presidente della Camera di commercio italo croata, Claudio Canaccini ha incontrato il Presidente della Commissione Economica del Parlamento croato, Žarko Tušek.

Il Presidente della Camera Canaccini ha presentato il lavoro della Camera di Commercio Italo-Croata, sottolineando che l’Italia e la Croazia hanno tradizionalmente buone relazioni in tutti i campi. Dall’adesione della Croazia all’UE, queste relazioni si sono gradualmente sviluppate ancora più fortemente grazie agli sforzi diplomatici di entrambi i paesi, rafforzando la cooperazione economica, gli investimenti e le strategie di sviluppo congiunte.

Uno degli obiettivi della nostra camera è sicuramente quello di migliorare il dialogo tra i policymaker e gli imprenditori e investitori italiani. È il nostro dovere tutelare gli interessi di coloro che rappresentiamo, il che a volte significa segnalare problemi, omissioni e carenze, ma anche fornire soluzioni e suggerimenti.

Il presidente della Commissione economica Žarko Tušek ha aggiunto che la Camera di commercio italo-croata può sempre contare sulla cooperazione del Parlamento e che le riunioni di questo tipo sono un modo per rafforzare la cooperazione.

L’incontro operativo tra Camera di commercio italo croata, Consolato generale d’Italia a Fiume e Sindaco di Fiume – la cooperazione tra Croazia e Italia in campo economico, commerciale e culturale

L’incontro si è concentrato sulla promozione dello sviluppo e della cooperazione tra Croazia e Italia in campo economico, commerciale e culturale. Il Sindaco di Fiume, Marko Filipović, e il Capo del Dipartimento per l’Imprenditoria, Jana Sertić, hanno tenuto un incontro di lavoro con il Console Generale d’Italia a Fiume, Davide Bradanini Consolato d’Italia – Fiume, e il Segretario Generale della Camera di Commercio Italo-Croata, Andrea Perkov.La Camera di Commercio Italo-Croata sta lavorando per sviluppare e migliorare le relazioni tra gli imprenditori italiani e croati, nonché per incoraggiare i contatti e la cooperazione con gli enti locali e statali al fine di facilitare il superamento dei vari ostacoli nell’attività imprenditoriale.Durante l’incontro è stata presentata la zona industriale di Bodulovo, le possibilità per le aziende italiane per gli investimenti a Fiume, le possibilità di presentare questa parte della Croazia agli investitori italiani, ed entrambe le parti sono interessate a stabilire una cooperazione nello sviluppo di progetti per le startup e incubatori.Inoltre, al sindaco Filipović e al capo Sertić sono state presentate le attività della Camera di commercio italo-croata, che fornisce informazioni, assistenza legale, istituzionale e fiscale alle imprese per facilitare la cooperazione tra le imprese croate e italiane interessate.

Radni sastanak s predstavnicima Talijansko hrvatske gospodarske komore – Grad Rijeka

Il pacchetto di misure governative per mitigare l’aumento dei prezzi dovuto all’aumento dei prezzi dell’energia

Il 16 febbraio il primo ministro Andrej Plenković ha presentato le misure governative per mitigare l’aumento dei prezzi a causa dell’aumento dei prezzi di energia.

Sui seguenti link vi portiamo intero elenco delle misure presentate

https://drive.google.com/file/d/1pWQ3qiFKFLcerWOuALqqx52Q3MpiDASJ/view?usp=sharing

https://drive.google.com/file/d/1WtNZD7oVCiIKgo8fTpfJpHqWfnZQNgNE/view?usp=sharing

Giornata della lingua madre

Ogni anno il 21 febbraio ci viene ricordata l’importanza della lingua che chiamiamo la nostra lingua madre. Un linguaggio con cui dovremmo essere in grado di esprimere la più ampia gamma dei nostri pensieri, le sfumature più morbide delle nostre emozioni. Usiamo la nostra lingua madre nel modo migliore e più accurato, perché è stata instillata in noi fin dai nostri inizi.Ecco perché l’UNESCO ha deciso nel 1999 di dichiarare il 21 febbraio come Giornata della lingua madre, per ricordarci l’obbligo di preservare la nostra lingua, così come la diversità linguistica su scala globale. L’estinzione che minaccia molte lingue in tutto il mondo è una minaccia per il mondo nel suo complesso, a causa della ricchezza che è così persa. L’italiano è la quinta lingua al mondo ad essere insegnata nelle scuole. Viene parlato da circa 62 milioni di persone in tutto il mondo. Oltre all’Italia e a San Marino, l’italiano è la lingua ufficiale nei cantoni svizzeri Ticino e Grigioni, e oltre al latino è la seconda lingua ufficiale in Vaticano.Nel 2021 si è tenuto il primo concorso in lingua italiana in tutte le scuole primarie e secondarie in cui si insegna in italiano nella Repubblica di Croazia.Oltre a questa giornata, ogni anno nel mese di ottobre celebriamo attraverso diverse manifestazioni la settimana della lingua italiana nel mondo, e vi vogliamo svelare un segreto, per la settimana della lingua italiana di questo anno stiamo preparando un evento che nascerà dalla collaborazione tra la CCIC e la scrittrice Josipa Pavičić.

ISTITUITO FONDO UE PER LA PROTEZIONE DELLA PROPRIETà INTELLETTUALE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

All’interno dell’iniziativa “Ideas Powered for Business”, con l’obbiettivo di assistere le piccole e medie imprese (PMI) con gli affari dell’UE per proteggere la loro proprietà intellettuale, la Commissione europea e l’ufficio della proprietà intellettuale dell’UE hanno istituito un nuovo fondo per le PMI su questo tema. Il bilancio ammonta a 47 milioni di EUR e fornirà i seguenti servizi:

  • Restituisce il 90% delle tariffe che gli stati membri addebitano per i servizi di test diagnostici (Scansione IP), che forniscono una valutazione completa delle esigenze delle PMI per la protezione della proprietà intellettuale, tenendo conto del potenziale dell’innovazione delle sue attività immateriali;
  • Restituisce il 75% delle tariffe applicate dagli uffici della proprietà intellettuale (compresi gli uffici nazionali della proprietà intellettuale, l’ufficio europeo della proprietà intellettuale e l’ufficio del Benelux della proprietà intellettuale) per la registrazione dei marchi e dei disegni;
  • Restituisce il 50% delle tariffe applicate dall’organizzazione mondiale della proprietà intellettuale per ottenere un marchio internazionale e la protezione del design;
  • Restituisce il 50% delle tariffe applicate dagli uffici di registrazione dei brevetti nazionali nel 2022.

Dal 2023 è possibile richiedere il sostegno per ulteriori servizi, ad esempio il rimborso parziale dei precedenti costi di ricerca dei brevetti prima della loro presentazione; consulenza legale sulla proprietà intellettuale addebitata da avvocati di proprietà intellettuale (per la registrazione dei brevetti, i contratti di licenza, la valutazione dei valori di proprietà intellettuale, i costi di risoluzione delle controversie alternative, ecc.).

Al fine di proteggere le loro innovazioni, le PMI hanno bisogno di un pacchetto flessibile di strumenti per la protezione della proprietà intellettuale e il finanziamento rapido. Pertanto, il nuovo fondo per le PMI dell’UE comprende anche i brevetti per la prima volta. Ad esempio, la PMI potrebbe richiedere un rimborso per la quota di iscrizione per il brevetto dell’invenzione nello Stato membro.

L’ufficio della proprietà intellettuale europea lavorerà a contatto col fondo per le PMI a chiamata suggerendo proposte. Al fine di garantire un trattamento equo e uguale ai potenziali fruitori e una gestione efficiente di questa iniziativa, la richiesta di sovvenzione sarà aperta durante il periodo dal 2022 al 2024. Le applicazioni saranno riviste e valutate in base all’ordine della presentazione.

Maggiori informazioni sul fondo istituito potete trovarle alla pagina web: https://euipo.europa.eu/ohimportal/hr/online-services/sme-fund

https://euipo.europa.eu/ohimportal/hr/online-services/sme-fund

Giancarlo Giorgetti, il Ministro dello sviluppo economico d’Italia ha visitato Zagabria

Giancarlo Giorgetti Ministro dello Sviluppo Economico italiano ieri 18.01.2022. ha ufficialmente visitato Zagabria. Nella sua visita di un giorno ha incontrato il Ministro dell’Economia e dello Sviluppo Sostenibile Tomislav Ćorić sul tema dei rapporti economici bilaterali tra Italia e Croazia, mentre nel pomeriggio presso la residenza di SE l’Ambasciatore Pierfrancesco Sacco, si è svolto un incontro con le istituzioni del Sistema Italia in Croazia e imprenditori italiani che operano da anni in Croazia.

Insieme al Ministro Giorgetti e alla delegazione del Ministero e S.E. Ambasciatore Sacco erano presenti anche il Primo Segretario dell’Ambasciata Ilario Schettino, il Direttore dell’Agenzia per il Commercio estero Sandra Di Carlo, il Segretario Generale della Camera di Commercio Italo-Croata Andrea Perkov, il Rappresentante del Gruppo Calzedonia Francesco Ruffoli, il Gruppo PBZ Intesa San Paolo Antonio Bergalio , rappresentante dell’ Aquafil Cro Saša Mumimović rappresentante del gruppo Wam Giorgio D’Ascenzo, rappresentante di De Longhi Peter Ferluga e davanti Generali Mario Carini. L’enfasi di questo incontro è stata sugli investimenti e sulla situazione economica e sociale degli imprenditori italiani nella Repubblica di Croazia, sulle attività e le iniziative delle istituzioni.

Il ministro Giorgetti sottolinea di essere colpito dall’attività e dalla sinergia tra imprenditori e rappresentanti delle istituzioni italiane nella Repubblica di Croazia, che non solo si fa sentire, ma si vede anche nei numeri esatti che mostrano progressi in tutti i settori. Oltre a lodare il lavoro di iniziative integrate delle istituzioni, si è messo a disposizione per migliorare e valorizzare le tradizionalmente buone relazioni.

L’Italia, in quanto primo partner commerciale della Croazia, è sempre stata interessante per gli investitori italiani per una serie di fattori, e l’imminente ingresso nell’eurozona e Schengen sono sicuramente un altro motivo aggiuntivo per aumentare l’interesse degli investitori italiani.

Trasmettiamo con piacere il messaggio del Presidente della Camera di commercio italo croata:

Cari associati,

l’anno 2021 sta giungendo al termine ed è arrivato il momento dei bilanci.

Malgrado le ben note problematiche legate alla pandemia, che hanno reso l’anno in corso particolarmente impegnativo, grazie al supporto delle istituzioni e con il vostro fondamentale contributo è stato possibile raggiungere tutti gli obiettivi preventivati con risultati che sono andati oltre ogni più rosea aspettativa.

Con questa mail voglio ringraziare tutti Voi per la fiducia che riponete nella Camera, visti l’entusiasmo e la passione dimostrati nei confronti delle iniziative proposte dai membri dei vari comitati camerali.

In un anno nel quale temevamo una contrazione come numero di associati,  non solo abbiamo mantenuto lo status quo, ma siamo riusciti ad incrementare il numero di associati, con l’ingresso nella famiglia di importanti aziende Italiane riconosciute a livello globale.

Ora però è giunto il momento di recuperare energie, di trascorrere in pace ed armonia le prossime festività natalizie, di regalare e regalarci momenti di serenità vicino ai nostri affetti più cari.

Auguro pertanto a tutti voi un gioioso e felice Natale ed un prospero 2022.

Claudio Canaccini

Presidente CCIC

Tra diversi importanti interlocutori, il Segretario generale Andrea Perkov ha fatto la intervista per Lider media, parlando di interesse degli investitori italiani verso la Croazia.