Dante, l’ideatore dell’unità culturale

La cerimonia ha avuto luogo nell’Aula magna della SMSI di Fiume. I partecipanti di quattro scuole dell’Istria e di Fiume hanno dimostrato estrosità nei relativi approcci

Si è svolta ieri, presso la Scuola Media Superiore Italiana di Fiume, la premiazione degli allievi vincitori del Concorso letterario “Dante, l’italiano”, realizzato nell’ambito del programma della XXI edizione della Settimana della lingua italiana nel mondo, che proseguirà fino a sabato 24 ottobre di quest’anno. Il progetto è stato organizzato dal Consolato Generale d’Italia a Fiume in collaborazione con la Camera di commercio italo-croata (CCIC), l’Istituto tecnico superiore (VPŠ) “PAR” e le SMSI di Fiume, Pola, Rovigno e Buie.

Qualità, sensibilità e creatività

L’evento è stato inaugurato dal preside della SMSI di Fiume, Michele Scalembra, il quale ha ringraziato i patrocinatori per la collaborazione, rivolgendo i complimenti anche a tutti i partecipanti del Concorso, incentrato sul tema “Dante, l’italiano”. Come sostenuto dal Console Generale d’Italia a Fiume, Davide Bradanini, l’argomento della competizione è stato affrontato dalle quattro vincitrici – Lavinia Jelena Terzić, Vanja Višnić, Valentina Perić Turčinović e Denise Jurman – con “qualità, sensibilità, curiosità e creatività”. Pur trattandosi di un tema all’apparenza semplice, ha spiegato, i partecipanti al Concorso hanno dimostrato estrosità nei relativi approcci. “Alcuni hanno deciso di strutturare il tema come una lettera dello stesso Dante, altri si sono concentrati sul rapporto tra il Sommo Poeta e la lingua italiana, mentre alcuni si sono focalizzati su Dante e lo sviluppo del senso d’identità italiana”, ha affermato Bradanini, ricordando che è stato proprio il Sommo Poeta “uno dei primi a concepire l’unità culturale dell’Italia”.

Legati alla Nazione madre

Una caratteristica, quest’ultima, che può venire messa a confronto con la realtà della Comunità Nazionale Italiana. Infatti, come dichiarato da Marin Corva, presidente della Giunta Esecutiva dell’Unione Italiana, “Dante non parlava dell’unità politica, ma proprio dell’unità culturale, un punto che ci contraddistingue in quanto non facciamo parte dello Stato italiano, però culturalmente siamo ancora legati a quella che definiamo la nostra Nazione madre”. A porgere le congratulazioni alle vincitrici è stata anche Andrea Perkov, segretario generale della CCIC. “Non rappresentiamo soltanto rapporti economici e commerciali tra Italia e Croazia, ma soprattutto l’italianità e l’identità culturale italiana”, ha puntualizzato la Perkov. Riprendendo quanto sostenuto dal Console, la rappresentante della CCIC ha affermato che, nonostante a prima vista possa sembrare un tema semplice, classico, “scrivere di Dante e della lingua italiana non è stato per niente semplice per gli alunni, per cui potremmo proclamare tutti i partecipanti vincitori del Concorso”.

Le vincitrici

Lavinia Jelena Terzić, alunna della SMSI di Rovigno sotto la guida della professoressa Larisa Degobbis, si è aggiudicata il premio del Concorso con un lavoro incentrato sull’influenza delle opere minori di Dante sulla lingua, la letteratura e la cultura dell’Italia, mentre Vanja Višnić, allieva della SMSI di Fiume, affiancata dalla professoressa Rina Brumini, si è concentrata sull’ispirazione letteraria del Sommo Poeta. Denise Jurman, alunna della SMSI “Dante Alighieri” di Pola sotto la guida della professoressa Loredana Slacki, ha invece presentato un tema incentrato sulla Divina Commedia a partire da un’attualizzazione del poema e della sua importanza al giorno d’oggi. Tra le vincitrici figura anche Valentina Perić Turčinović della SMSI “Leonardo da Vinci” di Buie, che ha partecipato alla premiazione in collegamento virtuale.

Premi offerti dall’Istituto «PAR»

Oltre ai riconoscimenti e gli attestati conferiti dal Console Davide Bradanini, le vincitrici sono state premiate con quattro voucher del valore complessivo di 10mila kune, forniti dal “PAR” e utilizzabili nell’ambito dei corsi di formazione offerti dall’Istituto. I premi sono stati consegnati da Sanda Grudić Kvasić, coordinatrice del programma Erasums+ e docente presso l’Istituto “PAR”. La cerimonia di premiazione, tenutasi nell’Aula Magna del Liceo fiumano, è stata preceduta da un’interpretazione del Canto XXVI dell’Inferno di Dante e da un intervento musicale, eseguiti da due alunne del Liceo di Fiume.

Bando per 10 Borse di Studio finanziate dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale

La Fondazione Segretariato Permanente Iniziativa Adriatico-Ionica e l’Università Politecnica delle Marche, nelle persone di Amb. Giovanni Castellaneta, Segretario Generale IAI, e Prof. Gian Luca Gregori, Magnifico Rettore UNIVPM, hanno firmato il 6 luglio u.s. un protocollo d’intesa volto a rafforzare la collaborazione fra i due enti per lo sviluppo di nuove attività didattico scientifiche sui temi relativi all’integrazione europea.

Con questo protocollo si consolida il ruolo fondamentale della collaborazione accademico-scientifica con i Paesi dei Balcani Occidentali promuovendo azioni per lo sviluppo di attività di ricerca e didattica, favorendo la conoscenza, l’integrazione e l’arricchimento reciproco fra le culture.

La collaborazione prevede 10 borse di studio, di durata biennale, finanziate dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, a favore di studenti provenienti dai Balcani Occidentali per l’iscrizione ad uno dei 4 corsi di laurea magistrale in lingua inglese dell’Università Politecnica delle Marche (Intenational Economics and Commerce, Biomedical Engineering, Environmental Engineering e Food and Beverage Innovation and Management) e l’avvio di un insegnamento sui temi relativi all’integrazione europea ed allo sviluppo politico-economico dei Paesi interessati alla Iniziativa Adriatico Ionica ed alla Strategia EUSAIR.

Le 10 borse di studio e la cattedra universitaria su temi relativi all’integrazione europea ed allo sviluppo politico/economico dei Paesi interessati dalla Strategia EUSAIR si inseriscono all’interno del dossier giovani che il Segretariato IAI ha portato avanti con forza in questi ultimi anni e che prosegue sotto l’attuale Presidenza Albanese dell’Iniziativa.

La data di scadenza del bando è fissata per l’8 Novembre 2021.

Presso l’Univpm è ospitata inoltre la Segreteria Generale di UniAdrion, associazione delle università dell’area adriatico-ionica, che da oltre 20 anni collabora con la Fondazione IAI per lo sviluppo dell’area. Questa collaborazione intende consolidare e sempre più sviluppare quello spirito di collaborazione ed amicizia tra i paesi del bacino adriatico ionico che è alla base della “Dichiarazione di Ancona”.

Si sono svolti i primi “Prosecco Days”, l’incontro tra produttori di vino italiani e amanti delle bollicine

La prima fiera dedicata al Prosecco DOC, intitolata “Prosecco Days” si è tenuta il 14 e 15 ottobre presso l’Hotel Dubrovnik a Zagabria. I produttori italiani di Prosecco DOC hanno presentato un totale di oltre 60 etichette di vino, tra cui un gran numero di Prosecco DOC Rosé – lo spumante rosa che rappresenta una novità anche sul mercato italiano, lanciato solo nel 2020. L’elenco degli espositori comprende alcuni grandi e famosi nomi gia’ presenti in Croazia, come Villa Sandi, Bottega e Astoria, e altri che stanno cercando di espandere la loro presenza. Infatti, la maggior parte degli espositori ha esposto per la prima volta i propri Prosecchi DOC al mercato croato, considerando la crescente richiesta di spumanti e prosecco. Oltre all’incontri B2B, questa fiera è stata un’opportunità per molti appassionati di vino per provare nuovi gusti e stili di Prosecco DOC. Oltre ai citati produttori vinicoli, alla fiera ha partecipato anche l’azienda Cibus Et Terra, produttrice di attrezzature artigianali per il settore vinicolo. Gli organizzatori di questo evento sono l’associazione Vinoljupci e la Camera di Commercio Italo-Croata, mentre la fiera si è svolta con il patrocinio dell’Ambasciata della Repubblica d’Italia e del Consorzio per la Tutela della Denominazione Prosecco DOC di Treviso.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Giovedì 14 ottobre alle ore 12 si è svolta l’inaugurazione della Fiera. La sig.ra Irena Lučić, project manager di Vinoljupci e la sig.ra Andrea Perkov, Segretario generale della Camera di Commercio Italo-Croata, organizzatori della fiera, hanno salutato tutti i presenti, visibilmente soddisfatti della risposta dei viticoltori italiani e dei professionisti del settore vinicolo croato. L’Ambasciatore della Repubblica Italiana a Zagabria, HE Pierfrancesco Sacco ha spiegato l’importanza della cooperazione tra Italia e Croazia e ha sottolineato che tali eventi hanno l’obbiettivo di collegare e rafforzare non solo le imprese, ma anche la cooperazione interstatale. Il vicedirettore del Consorzio per la Tutela del Prosecco DOC, Andrea Battistella, è pienamente convinto che questa sia solo la prima di una lunga serie di fiere e crede fermamente in una maggiore collaborazione tra enologi italiani e professionisti del vino croati. Infine, la delegata del Sindaco di Zagabria, Tanja Operta, responsabile dell’Ufficio comunale per l’economia, l’energia e la protezione dell’ambiente, ha ringraziato i presenti per l’iniziativa volta a rafforzare i rapporti commerciali italo-croati e ha sottolineato che tali progetti saranno sempre sostenuti dal Comune di Zagabria.

Prosecco Days è stato concepito principalmente come una fiera del business con l’obiettivo di rafforzare i legami commerciali esistenti tra produttori di Prosecco DOC e professionisti del vino croati, distributori, rivenditori e settore HoReCa, e crearne di nuovi.

I due giorni di fiera prevedevano, oltre alla degustazione dei prosecchi, una conferenza dal titolo “Prosecco DOC – Passato, Presente, Futuro” tenuta dalla Sig.ra Perkov. La prima menzione del Prosecco risale al XIII secolo, conoscendo il suo boom nel Rinascimento quando è conosciuto come “vino che dona longevità e bellezza”, mentre oggi è uno dei più importanti prodotti di esportazione d’Italia: solo il 20% del prosecco prodotto è destinato al mercato interno, mentre il restante 80% del Prosecco DOC viene esportato al di fuori dall’Italia, specialmente nel resto d’Europa.

Nell’ambito della fiera si sono tenuti quattro workshop professionali sul vino, progettati e guidati dal più famoso wine blogger e grande conoscitore del settore Nenad Trifunović Vinopija in collaborazione con i produttori di vino. Grazie all’approccio professionale, ma allo stesso tempo rilassato, i workshop hanno incontrato una forte risposta da parte del pubblico – sia professionisti del vino che appassionati – i quali sono stati felici di unirsi alla discussione sul vino con le loro domande e commenti. È importante notare che tutti seguivano la regola d’oro che recita “tanto vino quanto acqua”, e Romerquelle, sponsor della fiera, si è occupata della distrubuzione dell’acqua.

Durante il primo giorno di fiera si è tenuta una cena di gala “Prosecco & Diamanti”, dove deliziosi piatti, sono stati abbinati a specifici prosecchi e diamanti. I partner della cena di gala, Zlatarnica Rodić, ha preparato una breve ma molto istruttiva presentazione sui diamanti per gli ospiti. Inoltre, le signore hanno avuto l’opportunità di indossare e farsi fotografare con gioielli preziosi. I diamanti non sono scelti a caso come tema della cena. La pietra più preziosa e splendente esprime al meglio il valore che il Prosecco ha per gli italiani e per i conoscitori di questo eccellente prodotto.

L’Italia e la Croazia sono paesi confinanti legati da una lunga storia di cooperazione economica e forti legami commerciali. Per quanto riguarda la produzione, la distribuzione e l’esportazione del vino, i dati superano i benefici a favore degli italiani, leader mondiali del settore. Sebbene i famosi spumanti ottenuti dalla varietà Glera siano presenti e visibili in Croazia da molto tempo, c’è spazio più che sufficiente per l’espansione del mercato della Prosecco DOC. Considerato l’interesse e l’atmosfera che si è potuta osservare durante la fiera, siamo sicuri che questa sia solo la prima di una lunga serie di Giornate dedicata al Prosecco e che la collaborazione tra Vinoljupci, Camera di Commercio Italo-Croata e l’Ambasciata della Repubblica d’Italia continuerà nel modo più prolifico. Riteniamo che il successo della fiera stimolerà i produttori di vino locali ad azioni di mercato comuni e li incoraggerà, seguendo l’esempio dei vicini italiani di successo, a aderire alla tutela e al marchio dei vini fermi e spumanti nazionali.

BANDO PER L’ASSEGNAZIONE DI BORSE DI STUDIO OFFERTE DAL GOVERNO ITALIANO A STUDENTI STRANIERI PER L’ANNO ACCADEMICO 2021-2022

Nella sezione news del sito dell’Ambasciata d’Italia a Zagabria (https://ambzagabria.esteri.it/ambasciata_zagabria/it/ambasciata/news/dall_ambasciata/2021/06/bando-per-l-assegnazione-di-borse.html) è stato pubblicato il bando per l’assegnazione delle borse di studio offerte dal MAECI in favore di cittadini stranieri per il prossimo anno accademico. La scadenza per la presentazione delle candidature, da effettuare attraverso il portale Study in Italy (https://studyinitaly.esteri.it), è fissata per il 13 luglio alle ore 14.

I corsi di studio per i quali è possibile beneficiare di tali borse di studio sono unicamente i seguenti:

  • Lauree magistrali;
  • Corsi AFAM;
  • Dottorati di ricerca;
  • Progetti in co-tutela;
  • Corsi di lingua e cultura italiana.

Le candidature dovranno essere inviate esclusivamente per via telematica, previa registrazione, accedendo al Portale Study in Italy
(https://studyinitaly.esteri.it), entro il termine tassativo del 13 luglio 2021 alle ore 14.00 (ora italiana).

I criteri di eligibilità e le istruzioni per la presentazione delle candidature sono riportati nel relativo bando, disponibile di seguito in lingua italiana ed in lingua inglese:

– Bando borse di studio A.A..2021-2022 (ITAborse di studio A.A..2021-2022 (ITA)

– Call for application MAECI grants A.Y. 2021-2022 (ENG)

EXTINGUISHED COUNTRIES – REPUBBLICA DI VENEZIA

La Serenissima Repubblica di Venezia era uno stato che si estendeva in alcune parti dell’odierna Italia, Slovenia, Croazia, Montenegro, Albania, Grecia e Cipro, e il cui centro amministrativo si trovava nell’odierna città italiana di Venezia. È esistita dal VII al XVIII secolo (697-1797).

Quest’anno, a più di 200 anni dalla sua scomparsa, la Serenissima rivive in tutti gli angoli del suo impero grazie alla riscoperta da parte di un giornalista investigativo, Giovanni Vale.

Il libro appena pubblicato da Giovanni Vale, intitolato “Extinguished countries (Paesi scomparsi) – La Repubblica di Venezia”, è una magnifica guida attraverso il nostro passato comune, collegato da luoghi, cibi, costumi e abbigliamenti. Extinguished countries è la prima una serie di guide dedicate a paesi che non esistono più e il libro sulla Serenissima è il primo della serie.

A partire da giugno, Giovanni Vale presenterà e promuoverà il suo libro attraverso un viaggio nei paesi e nei luoghi che un tempo facevano parte della grande Serenissima, un viaggio in bicicletta, a tappe, partendo da Bergamo e passando per Venezia, fino all’Istria, all’isola di Arbe arrivando e all’estremo sud in Montenegro e in Grecia.

  (Bergamo 11/6 – Brescia 12/6 – Verona 13/6 – Vicenza 14/6 – Treviso 15/6 – Venezia 16/6 )

Tutto il viaggio può essere seguito attraverso i canali social di Extinguished Countries che permettono di rivivere un respiro del passato, mentre il libro può essere acquistato sul web shop www.extinguishedcountries.com

Meglio ancora, durante i mesi estivi, potete seguire il viaggio di Vale e unirvi a lui in una delle tappe, al fine di vedere di persona la bellezza che trasuda questo libro. Questa prima guida, dedicata alla Serenissima, segna l’inizio della serie, mentre la prossima sarà dedicata alla parte europea dell’impero ottomano.

Non ci resta che rivivere il passato della Serenissima, mentre attendiamo con impazienza la prossima guida nel passato 🙂

Per ulteriori informazioni sul libro e sulle tappe della promozione visitate https://www.facebook.com/ExtinguishedCountries

Buona Festa della Repubblica Italiana!

Oggi, il 2 giugno la Repubblica italiana festeggia il 75essimo anniversario della Repubblica!

È una delle ricorrenze più importanti del nostro Paese e l’occasione per ricordare quando, il 2 giugno 1946, gli italiani furono chiamati a votare, tramite referendum a suffragio universale, quale ordinamento politico dovesse adottare l’Italia appena uscita dalla Seconda Guerra Mondiale: monarchia o repubblica. Vinsero i repubblicani, con uno scarto di circa 2 milioni di voti dai monarchici: era stata scritta una nuova pagina della storia.

“L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione”. Articolo 1 della Costituzione Italiana che entrò invece in vigore il 1° gennaio 1948.

Trasmettiamo con piacere il messaggio dell’Ambasciatore d’Italia a Zagabria Pierfrancesco Sacco e del Console Generale a Fiume Davide Bradanini in occasione del 75. anniversario della Festa della Repubblica Italiana.

La Camera di commercio italo croata si aggiunge agli auguri con l’auspicio di rafforzamento della italianità già presente e quella economica, industriale e culturale che ci sta arrivando e quale siamo pronti di dare un caloroso benvenuto. 

Buona Festa della Repubblica!

#inseimeperilsucceso

Aggiornamento delle misure restrittive in Croazia in vigore fino al 15 giugno 2021

Il Sede nazionale della protezione civile della Repubblica di Croazia ha emesso la Decisione sulle misure restrittive e raccomandazioni necessarie per prevenire la trasmissione della malattia COVID-19 attraverso le riunioni pubblici. Le misure restrittive rimarranno in vigore fino al 15 giugno 2021.

Considerando la situazione epidemiologica e la possibilità di trasmettere la malattia COVID-19, tutte le persone nella Repubblica di Croazia sono obbligate ad aderire a rigorose misure di allontanamento fisico, tutte le misure restrittive in vigore, raccomandazioni speciali e istruzioni dell’Istituto croato di sanità pubblica e necessarie misure restrittive prescritte da questa decisione.

Una misura rigorosa della distanza fisica richiede di evitare il contatto personale ravvicinato a una distanza di almeno 2 metri all’interno e 1,5 metri all’esterno. Se non è possibile mantenere una distanza fisica di almeno 2 metri all’interno e di 1,5 metri all’esterno, è obbligatorio indossare le mascherine facciali o le mascherine mediche.

Le misure restrittive necessarie prescritte da questa decisione sono:

  • divieto di svolgimento di tutti gli eventi pubblici e riunioni cui hanno partecipato più di 100 persone in un unico luogo
  • eventi pubblici e riunioni e cerimonie di ogni genere possono durare fino alle ore 23.00
  • ai funerali e all’ultimo saluto, il cordoglio alle persone in lutto non deve essere espresso a stretto contatto e le amministrazioni cimiteriali sono obbligate a vigilare sul rispetto delle misure restrittive
  • limitazione dell’orario di lavoro per panifici e negozi di pane e prodotti da forno fino alle ore 23,00
  • divieto di vendita di bevande alcoliche tra le ore 23:00 e le 6:00
  • limitare il funzionamento delle strutture di ristorazione e delle aziende agricole familiari che forniscono servizi di ristorazione in modo tale che cibi, bevande, bevande e dolci possano essere serviti nell’area di servizio all’aperto, nel rigoroso rispetto delle misure restrittive prescritte e delle raccomandazioni e istruzioni speciali dell’Istituto croato di sanità pubblica, l’orario può essere determinato dalle 6.00 alle 23.00
  • sospensione delle cerimonie nuziali;
  • È eccezionalmente consentito tenere cerimonie nuziali con un massimo di 120 invitati, con la consegna obbligatoria dell’avviso di cerimonia nuziale indicando il luogo, l’ora e il numero approssimativo di persone che saranno presenti via e-mail al competente servizio di protezione civile della contea centri provinciali 112 nell’Allegato 1), entro e non oltre 3 giorni prima dell’evento e rispetto delle raccomandazioni e istruzioni speciali dell’Istituto croato di sanità pubblica e se tutte le persone presenti alla cerimonia di matrimonio:
  • ha ricevuto una seconda dose di vaccino COVID-19 più di 14 giorni fa, o, nel caso di un vaccino a dose singola, ha ricevuto una singola dose più di 14 giorni fa, o
  • è sopravvissuto al COVID-19 senza più di 180 giorni o più di malattia
  • hanno superato la malattia COVID-19 e sono stati vaccinati con almeno una dose di vaccino o indietro di 48 ore sono risultati negativi quando testati con il test PCR o il test rapido dell’antigene per SARS-CoV-2.

–     L’organizzatore della cerimonia di matrimonio è obbligato, prima di entrare nello spazio in cui si svolge la cerimonia di matrimonio, a controllare se tutte le persone che saranno alla cerimonia di matrimonio soddisfano le condizioni prescritte e assicurarsi che tutte le persone che saranno presenti alla cerimonia di adeguatamente informato sul trattamento dei propri dati personali ai fini della verifica dell’adempimento delle condizioni, che le persone confermano con la propria firma

  • l’orario di lavoro dei casinò, dei club di slot machine e dei punti di pagamento per le scommesse può essere determinato dalle ore 8.00 alle ore 23.00, con divieto di prestazione di servizi di ristorazione nei loro spazi
  • stretta aderenza alle misure restrittive nelle palestre e nei centri fitness
  • rispetto rigoroso delle misure restrittive sulle sale giochi per bambini e la fornitura di servizi di intrattenimento e ricreativi al chiuso (feste di compleanno, parchi di divertimento e famiglie, ecc.)
  • sospensione di tutti gli spettacoli, programmi ed eventi culturali e artistici amatoriali al chiuso
  • sospensione di fiere e altre forme di eventi o manifestazioni economiche e turistiche in cui i prodotti sono venduti, esposti o esposti all’interno
  • uso obbligatorio di indossare le mascherine o mascherine mediche in occasione di fiere e altre forme di eventi o manifestazioni economiche e turistiche in cui i prodotti vengono venduti, esposti o esposti in spazi aperti
  • divieto di tutte le competizioni indoor e formazione nelle aule scolastiche ad eccezione dei club che competono nel 1 ° e 2 ° posto della competizione nella competizione senior e nel 1 ° grado della competizione nella competizione juniores a livello nazionale negli sport di squadra, nonché nei club che competono negli sport individuali competizioni senior in competizioni per club a squadre a livello nazionale nel grado più alto nel sistema di campionato di competizione e allenamento e gare di atleti classificati in sport individuali (individuali) e atleti di livello nazionale che si preparano per competizioni europee e mondiali secondo l’elenco proposto dal Comitato Olimpico Croato, Comitato Paralimpico Croato e Associazione Sportiva Croata dei Sordi, approvato dal Ministero del Turismo e dello Sport
  • Le gare e gli allenamenti sportivi consentiti possono essere tenuti solo senza spettatori e con la stretta osservanza di tutte le misure epidemiologiche prescritte e delle raccomandazioni e istruzioni speciali dell’Istituto croato di sanità pubblica, e gli organizzatori sono obbligati a garantire che tutti gli atleti e il personale tecnico necessario presente aderiscano a le misure restrittive prescritte e che gli impianti sportivi siano eccezionalmente utilizzati solo ai fini delle attività consentite
  • Le scuole di lingue straniere sono obbligate a svolgere le loro attività nel rigoroso rispetto delle misure restrittive prescritte
  • Le scuole guida possono essere tenute solo online per la parte teoretica o comunque per mantenere contatti a lunga distanza, le lezioni di guida possono durare un massimo di 45 minuti con misurazione obbligatoria della temperatura corporea prima di entrare in macchina, una pausa tra due candidati deve essere di almeno 10 minuti per ventilare e disinfettare l’auto e devono essere tenuti registri di tutti i partecipanti alle lezioni di guida
  • La raccomandazione che i riti religiosi siano trasmessi quando possibile attraverso programmi radiofonici, televisivi o in qualsiasi altro modo che consenta ai credenti di partecipare a un rito religioso senza recarsi in strutture religiose.

I datori di lavoro sono tenuti di:

  • vietare l’arrivo al lavoro di lavoratori che hanno febbre e problemi respiratori, in particolare tosse secca e respiro corto;
  • ridurre il contatto fisico tra i dipendenti, ove possibile
  • introdurre il lavoro da casa, quando possibile data la natura del lavoro
  • introdurre orari di lavoro scorrevoli, ove possibile
  • organizzare il lavoro su turni, ovvero gruppi, ove possibile
  • ridurre al minimo il numero di riunioni fisiche
  • ventilare regolarmente le aree in cui risiedono e soggiornano i lavoratori

l controllo dell’attuazione della presente decisione sarà svolto dagli ufficiali della Direzione della Protezione Civile, ispettori dell’Ispettorato di Stato, agenti di polizia e protezione civile.

Per tutti gli aggiornamenti giornali visita i seguenti link:

 Najnovije informacije o koronavirusu

Emergenza Covid-19: Nuove Misure adottate dalle Autorità italiane e croate (esteri.it)

Viaggiare Sicuri

Modulo di localizzazione passeggero Digital PLF – Passenger Locator Form

A partire dal 24 maggio 2021, chiunque faccia ingresso in Italia per una qualsiasi durata di tempo da Stati o territori esteri di cui agli elenchi B, C, D ed E (quindi anche dalla Croazia) dell’allegato 20 del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 2 marzo 2021, a bordo di qualunque mezzo di trasporto, prima del proprio ingresso nel territorio nazionale, è tenuto a compilare il Passenger Locator Form in formato digitale secondo le seguenti modalità:

1. Collegarsi al sito https://app.euplf.eu/#/

2. Seguire la procedura guidata per accedere al dPLF

3. Scegliere “Italia” come Paese di destinazione

4. Registrarsi al sito creando un account personale con user e password (è necessario farlo solo la prima volta)

5. Compilare ed inviare il dPLF seguendo la procedura guidata.

Una volta inviato il modulo, il passeggero riceverà all’indirizzo e-mail indicato in fase di registrazione il dPLF in formato pdf e QRcode che dovrà mostrare direttamente dal suo smartphone (in formato digitale) al momento dell’imbarco e a chiunque deputato ad effettuare i controlli. In alternativa, il passeggero potrà stampare una copia del dPLF da mostrare all’imbarco.

Il dPLF andrà completato e inviato obbligatoriamente prima dell’imbarco. Sarà comunque sempre modificabile il campo relativo al numero di posto assegnato sul mezzo di trasporto.

È necessario compilare un modulo per ciascun passeggero adulto; in caso di presenza di minori quest’ultimi potranno essere registrati nel modulo dell’adulto accompagnatore.

In caso di minori non accompagnati, il dPLF dovrà essere compilato dal tutore prima della partenza.

La compilazione del modulo digitale, sostituisce la dichiarazione di cui all’art. 50, comma 1, del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 2 marzo 2021. In casi eccezionali, ovvero esclusivamente in caso di impedimenti tecnologici, sarà possibile compilare il modulo cartaceo come da fac-simile disponibile sul portale Ministero della Salute – Nuovo Coronavirus, alla sezione Viaggiatori.

Sul portale del Ministero della Salute – Nuovo Coronavirus, alla sezione Viaggiatori è disponibile una specifica pagina con le istruzioni e il link diretto per la compilazione del dPLF.

Fonte: Modulo di localizzazione passeggero Digital PLF – Passenger Locator Form – Covid-19 – Viaggiatori (salute.gov.it)